Guida pratica alla cessione del quinto per lavoratori dipendenti e pensionati

Una breve guida per una cessione del quinto facile e veloce

Cos’è la cessione del quinto?

La cessione del quinto è una tipologia di prestito personale che viene addebitata direttamente sulla busta paga o sulla pensione del richiedente. Si tratta di un prestito non finalizzato, pertanto non sarà necessario presentare giustificativi di spesa. L’importo della rata non può eccedere il valore di un quinto dello stipendio netto (e questo giustifica il nome “cessione del quinto”).

Il compito del versamento della rata spetterà al datore di lavoro o all’ente previdenziale di riferimento, e ciò lascia emergere il vantaggio principale di tipologia di prestito: si possono evitare le valutazioni del merito creditizio del cliente e le segnalazioni in CRIF. Per questo motivo la cessione del quinto è concessa anche a soggetti protestati.

 

Quali sono i requisiti per richiedere una cessione del quinto?

Il requisito “per eccellenza” è una fonte di reddito fissa e stabile. Pertanto la cessione del quinto sarà destinata a lavoratori dipendenti, pensionati e medici convenzionati. Sono, di conseguenza, esclusi i lavoratori con contratto a tempo determinato, i lavoratori autonomi ed i percettori di pensioni oggetto di revisione periodica, come le pensioni di invalidità non confermate.

Perché richiedere una cessione del quinto?

La cessione del quinto offre i seguenti vantaggi:

  • La cessione del quinto può prevedere un rimborso rateale con un massimo di 120 rate. Pertanto, essa permetterà il rimborso di importi anche elevati con rate sostenibili.
  • I tassi d’interesse sono più contenuti rispetto ad altre forme di prestito personale. Ciò dipende sostanzialmente dall’assenza del rischio di insolvenza del cliente.
  • Se hai dei protesti o risulti cattivo pagatore, puoi ottenere ugualmente una cessione del quinto.
  • E’ una tipologia di prestito che mette al riparo i tuoi familiari in caso di morte precoce. Infatti la cessione del quinto è protetta da una polizza assicurativa che interviene in caso di morte del cessionario, saldando il debito senza che questo finisca sulle spalle dei propri familiari.
  • E’ un prestito che non richiede garanzie aggiuntive: basta avere un contratto di lavoro e, di conseguenza, una busta paga.

Per saperne di più, leggi anche La cessione del quinto in caso di licenziamento o dimissioni

Come ottenere una cessione del quinto?

Per richiedere una cessione del quinto dovrai procurarti pochi documenti, molti dei quali sono già in tuo possesso.

Indipendentemente dal profilo del richiedente, saranno necessari una copia di un documento d’identità e della tessera sanitaria (o tessera fiscale).

I dipendenti pubblici e statali dovranno fornire le ultime due buste paga, il CUD ed il certificato di stipendio.

I dipendenti privati dovranno presentare le ultime due buste paga e la certificazione unica.

I pensionati, invece, saranno tenuti a presentare la dichiarazione di quota cedibile, il cedolino della pensione e l’ObisM.

 

 

Compila il modulo di contatto e ottieni una consulenza!

Lascia un commento